Torta Salata Zucchine e Speck

Mi piacciono le torte salate: permettono di portare in tavola qualcosa di leggermente più elaborato anche se sono molto facili da preparare. Inoltre, possono essere porzionate e conservate in congelatore, per essere poi pronte ogni qual volta non abbiamo tempo per organizzare il pranzo o la cena. E questa torta nasce proprio dalla necessità di avere qualcosa di pronto, ma buono, per quelle sere in cui si rientra in casa più tardi.


Ingredienti 

1 dose di pasta brisè (mia ricetta qui)
2 zucchine
70gr speck tagliato a listarelle
50gr Provolone (tipo auricchio)
2 uova
1 cucchiaio parmigiano
Olio qb

Conservazione

La torta si conserva in frigo un paio di giorni. Se non consumata subito può essere surgelata fino a 3 mesi.


Iniziamo dalla Pasta Brisè. Una volta pronta, fasciamola con pellicola e mettiamola a riposare in frigorifero. Dedichiamoci quindi al ripieno. In una padella facciamo un giro di olio e facciamolo soffriggere con uno spicchio d’aglio. Quando sfrigola buttiamo in pentola le zucchine tagliate a pezzettini (io divido in 4 spicchi la zucchina e poi taglio) e allunghiamo con un bicchiere d’acqua per non far bruciare. Quando le zucchine son quasi pronte, togliamo l’aglio che ormai avrà fatto il suo dovere ed aggiungiamo lo speck per farlo insaporire. Mettiamo in una ciotola e lasciamo raffreddare.

Riprendiamo la brisè dal frigo, stendiamola e spostiamola nella teglia. Bucherelliamone quindi il fondo con una forchetta. Non importa se i bordi non sono regolari: dopo li ripiegheremo sulla farcia e proprio questa loro irregolarità donerà un’aria rustica alla torta.

Riprendiamo quindi le zucchine e lo speck. Aggiungiamo il provolone tagliato a dadini grossi e le due uova leggermente sbattute. Amalgamiamo il tutto e versiamolo in teglia. Chiudiamo i bordi ripiegandoli sulla farcia, ed ultimiamo il tutto con una spolverata di parmigiano in superficie.

170° ventilato per una cinquantina di minuti.

Questa torta è perfetta per una cena veloce ma gustosa. Si presta molto bene anche ad essere portata come schiscetta in ufficio per un pranzo diverso dal solito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *