Pane Senza Impasto con Li.Co.Li.

Adoro fare il pane, e adoro impastarlo a mano: certo, richiede un po’ di forza (e tempo) in più, ma sfornare quelle pagnotte poi mi da sempre grandissime soddisfazioni. Purtroppo non sempre ho il tempo di stare dietro un impasto, ecco perché era da tempo che volevo provare la tecnica del così detto pane senza impasto. Questa tecnica permette infatti di impastare molto velocemente il pane, in meno di 5 minuti, e non ha poi bisogno delle tante ore di pieghe ed attenzioni.

Ero molto scettica del risultato devo dire, ma dopo aver tagliato la prima fetta mi sono dovuta ricredere perché è venuto bellissimo (e buonissimo!).

Quindi niente scusa, se avete sempre rimandato la produzione del pane in settimana perché non avete tempo, questa è la ricetta che fa per voi! Continuate a leggere per scoprirne tutti i passaggi –>


Ingredienti 

Preimpasto 
200gr Farina tipo 1
300gr Farina Garofalo W260
350gr Acqua
80gr Licoli
10gr Sale3

Conservazione

Il pane si mantiene bello morbido per 3 giorni. Può essere surgelato fino a 6 mesi.

Sostituzioni

Se utilizzate la PMS mettetene 100gr e diminuite la farina a 480gr tot. Se utilizzate il lievito di birra mettetene 2gr e tenete le dosi invariate.

Le mie tempistiche 

Ho iniziato l’impasto verso le 8 di sera, per metterlo in frigorifero un paio di ore dopo. La mattina l’ho ripreso verso le 9 del mattino e ho aspettato che finisse di raddoppiare (ci ha messo 3 ore). Alle 12 ho formato e infilato in forno: per ora di pranzo avevo sfornato una bella pagnotta!

Note

Per questa ricetta oltre a sperimentare un metodo di impasto nuovo, ho deciso anche di testare un nuovo metodo per la conservazione del lievito madre: dopo averlo rinfrescato e fatto raddoppiare, l’ho riposto in frigo. L’ho ripreso dopo due giorni per fare questo pane ed era solo leggermente collassato: una sforchettata e sono uscite tante bellissime bollicine!


Prendiamo 150ml dell’acqua totale, ed iniziamo a sciogliere il licoli. In una ciotola prepariamo tutta la farina ed il sale. Versiamoci su l’acqua con il licoli e il resto dell’acqua poco alla volta: così aiutiamo la farina ad assorbirla piano piano. Diamo un’impastata veloce giusto per far amalgamare gli ingredienti, copriamo con la pellicola e lasciamo riposare per un’oretta.

Dopo questo riposo, riprendiamo l’impasto e facciamo un primo giro di pieghe. L’impasto sarà molto molle, anche perché ha un’alta idratazione, ma risulterà bello liscio e lavorabile. Ricopriamo con la pellicola e facciamo riposare altri 15/20 minuti. Ripetiamo questa operazione per altre 2 volte (circa 1h tot).

Dopo le ultime pieghe, oliamo leggermente una ciotola, riponiamovi l’impasto, copriamo di nuovo con pellicola e mettiamo in frigo a riposare.

Il mattino dopo prendiamo l’impasto dal frigo ed aspettiamo che raddoppi a temperatura ambiente: a me ci ha messo 3h, ma ci può volere più o meno tempo in base alla temperatura della casa e alla forza del lievito.

Quando è pronto dobbiamo dare una leggera formatura: poniamolo sul piano poco infarinato e chiudiamolo a zip portando prima l’angolo dx verso il bordo sx, quindi l’angolo sx verso il bordo dx, ci rispostiamo sul lato destro e continuiamo così fino a chiudere tutta la pagnotta. Arrotoliamola su se stessa e mettiamola nella forma. Dobbiamo fargli fare la seconda lievitazione: deve quasi raddoppiare il suo volume e ci vorranno circa un paio di ore (dipende sempre dalla temperatura che avete in casa, io avevo una ventina di gradi). Prima di cuocerlo, mentre il forno arrivava a temperatura, io ho preferito fargli fare un veloce passaggio in frigorifero: in questo modo non solo gli fermo la crescita, ma rassodo anche la forma. Appena il forno è pronto, mettiamo il pane in teglia o in pentola, pratichiamo un bel taglio ed iniziamo la cottura.

220° per i primi 20 minuti, poi scendiamo a 200° per altri venti, e concludiamo a 180°.
Se avete la pentola, per la prima mezz’ora cuocete con il coperchio. Altrimenti se ne siete sprovvisti (come me quando ho cotto questo pane) potete fare così:nella prima mezz’ora spruzzate circa ogni dieci minuti con dell’acqua la superficie del pane, per dargli un po’ di umidità.

Dopo un’ora il pane è pronto. Mi raccomando, aspettate una mezz’oretta prima di tagliarlo!

2 risposte a “Pane Senza Impasto con Li.Co.Li.”

  1. Ciao,
    Sto studiando le tue ricette e cercando quella più adatta ai prodotti che ho in casa…anch’io partenopea che vive a Milano in cerca dei sapori di casa.
    Una domanda
    Farina di tipo 1 qualsiasi e farina Garofalo w260? Io credevo che quest’ultima fosse già di tipo 1.
    Grazie .
    Ciao

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *