Risotto (furbo) allo zafferano

Ci sono giorni in cui si ha davvero poco tempo, e magari anche un frigo che offre pochissima (se non nessuna) scelta. Ecco perché per me è molto importante avere sempre qualcosina in dispensa, così son sicura che quantomeno non morirò di fame 😉

Il weekend scorso è venuto a trovarmi il mio papà. Purtroppo però, ero chiusa in casa con l’influenza da giovedì, e fare la spesa diciamo che non era stata una delle mie priorità. Risultato? Il mio frigo aveva la stessa densità di popolazione dell’Antartide!

Considerato quanto lui sia un buongustaio e quanto mi piaccia coccolarlo quando viene da me, non mi andava proprio di preparagli del semplice riso bianco, ed ecco che mi è venuta in aiuto la mia adorata dispensa: ho sempre una piccola scorta di zafferano e non c’e niente di più semplice, buono e gustoso del risotto alla Milanese.

Bè si certo, il risotto quello vero richiede sicuramente qualche accortezza in più. Ma ci sono alcuni trucchetti salvatempo che vi permetteranno di preparare un ottimo risotto last-minute. Per esempio, lo sapete che potete utilizzare il dado direttamente nel in padella con il riso invece di preparare il brodo?

Continuate a leggere che vi svelo meglio questo mio segreto 😉


Ingredienti per 4 persone
400gr di riso per risotti
Una bustina di zafferano
1 cuore di brodo vegetale
1LT di acqua circa
Burro qb
Parmigiano qb

Conservazione
Si consiglia di consumare il risotto sul momento, ma volendo può essere conservato in frigorifero fino al giorno dopo.


Iniziamo mettendo un pentolino di acqua a scaldare: sarà importante avere sempre a portata di mano dell’acqua bella calda. Quando l’acqua quindi sarà più o meno pronta (in genere bastano poco più di 5 minuti) facciamo sciogliere una noce di burro in padella. Quando è sciolta versiamoci il riso e facciamolo tostare una 30ina di secondi. Prendiamo quindi il cuore di brodo (o il dado se preferite utilizzare quello) e uniamolo in padella: versiamo quindi abbondante acqua fino a coprire il riso. Diamo una mescolata per esser sicuri che non si sia attaccato nulla al fondo e quindi apriamo la bustina di zafferano ed uniamola al risotto. Da questo momento non dobbiamo mai lasciare il riso da solo: dovremo prendercene cura mescolandolo dolcemente e costantemente, in modo tale da regalargli una cottura omogenea. Aggiungiamo acqua man mano che serve. Solitamente il riso da risotti ci impiega circa 18 minuti a cuocere: vi consiglio di iniziare ad assaggiarlo verso i 15, anche perché così valuterete, a seconda del vostro gusto, se sarà necessario aggiungere del sale (io trovo il dado molto saporito di suo!).

Quando il riso è oramai cotto è il momento di mantecarlo! Io faccio così: spengo il fuoco, aggiungo ancora un mestolo di acqua e poi aggiungo un cucchiaino di burro a persona (quindi in questo caso quattro). Li faccio assorbire e poi cospargo di parmigiano ad occhio (circa un cucchiaio a persona). Mischio tutto bene, ma sempre delicatamente, aggiungendo se ne ho bisogno ancora un po’ di acqua.

Tel chi!

Un piatto della tradizione milanese, reso facilefacilefacile 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *