Focaccia super soffice con poolish

E cosa fai, ci spieghi come creare il poolish e poi ci lasci a bocca asciutta?

Nono ragazzi miei, sarebbe stato scorretto. Ho iniziato un esperimento, e l’ho portato alla fine: dalla creazione del prefermento, fino all’impasto del prodotto finale. Nella scelta del prodotto da impastare come esperimento non ho avuto troppi dubbi: tra tutti i lievitati che ho sfornato in questo periodo quello che sicuramente ha riscosso più successo di tutti è la focaccia. Sarà che quella salamoia lucidina fa trasparire tutta la bontà anche attraverso uno schermo?

Direi quindi che ci mettiamo subito all’opera giusto?


Ingredienti (per una teglia 32×24)
Primo impasto
300gr Farina tipo 1 (W260)
160ml Acqua
100gr poolis (procedimento qui)
Secondo impasto
60ml Acqua
1c Sale
10gr Olio Evo

Conservazione
Vi consiglio di consumare la focaccia in un paio di giorni conservandola in un contenitore ermetico. Se sapete che non verrà consumata velocemente potete porzionarla e congelarla fino a 3 mesi.

Tempistiche
Ho iniziato il primo impasto verso le 13, continuando con il secondo alle 14. Fatto tre giri di pieghe fino alle 15 e lasciato raddoppiare fino alle 18. Ho spostato quindi in teglia e fatto raddoppiare nuovamente per circa 1h30 in luogo caldo. alle 20 avevo la focaccia pronta per la cena!


Iniziamo con il primo impasto: in questa fase non dobbiamo creare un panetto compatto ma l’obiettivo è quello di bagnare tutta la farina. Versiamo quindi tutta la farina e tutto il lievito in una ciotola e iniziamo pian piano ad aggiungere l’acqua. Aiutiamoci con la mano affinché tutta la farina venga bagnata, quindi copriamo con pellicola e mettiamo a riposare. Alla fine dovremmo ottenere un composto così:

Passato il tempo di riposto riprendiamo l’impasto ed iniziamo aggiungendo l’acqua. Quando questa sarà inglobata aggiungiamo il sale e solo infine l’olio. Non vi preoccupate se l’impasto vi sembrerà strano e se vi sembrerà che si stia rompendo: è normale! E’ l’effetto prima dell’umidità di acqua e sale e poi dei grassi dell’olio che rendono instabile i legami precedentemente formatisi nel vostro panetto. Abbiate pazienza e continuate ad impastare fino a che l’impasto non torna ad esse bello liscio. Se proprio siete in difficoltà lasciatelo riposare 5 minuti e poi ricominciate con la mano bagnata: vedrete che andrà meglio!

Quando l’impasto era bello formato ho iniziato con il primo giro di pieghe: in ciotola prendo un angolo dell’impasto e lo porto al centro e continuo così con gli altri 4 lati. Ripeterò questo procedimento per altre 2 volte a distanza di 20 minuti (per un tot di 3 volte in 1h). Quindi non mi resta che mettere l’impasto a riposare fino al suo raddoppio. Io in casa avevo circa 20°, l’ho tenuto in un posticino caldo della cucina dove probabilmente arrivava anche a più e così mi è raddoppiato in 3 ore circa.

Prendiamo una teglia e prepariamola: io preferisco oliarla e foderarla con carta da forno per esser sicura non si attacchi nulla. Prendo l’impasto, lo rovescio in teglia e con l’aiuto delle mani bagnate lo stendo. Prima di rimetterlo a riposare mi assicuro che tutta la superficie sia ben oliata: in questo modo non seccherà!

Stavolta, essendo vicini all’ora di cena, ho preferito far lievitare la mia focaccia nel forno con la luce accesa, dove la temperatura arriva a circa 27°, in modo tale da farle raggiungere nuovamente il raddoppio in meno di due ore. Non mi restava che Preparare la salamoia ed accendere il forno! (ma prima ricordatevi di tirar fuori la focaccia :P)

Mentre il forno raggiunge la massima temperatura, versate in un bicchiere circa 100ml di acqua e 4 cucchiaini di sale e mischiate fino ad assorbimento. La cosa figa della salamoia è che l’acqua assorbirà solo la quantità di sale che riesce quindi non c’è possibilità di sbagliare: male che vada vi “avanzerà” sale sul fondo.

Inforniamo in forno già caldo alla sua base (non ripiano più basso, proprio alla base) per circa 10/12 minuti: il tempo dipende molto dal proprio forno, quindi tenete d’occhio!
Una volta sfornata l’ideale è farla raffreddare su una gratella: in questo modo interromperemo definitivamente la cottura e la focaccia si potrà raffreddare uniformemente.

Oppure potete direttamente tagliarla e mangiarla: una goduria ;P

Una risposta a “Focaccia super soffice con poolish”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *