Burro di Arachidi fatto in casa: la ricetta veloce, sana e gustosa!

Un alimento che non ha bisogno di troppe presentazioni, è sicuramente uno dei simboli della cucina Americana: il Burro di Arachidi. Non starò qui a raccontarvi troppe storie su questa gustosa cremina, però una piccola curiosità voglio svelarvela: lo sapete che, in media, ogni americano consuma annualmente 1,5 KG di burro di arachidi? Tanti vero?

Da un po’ di tempo questa bontà è sbarcata anche sulle nostre tavole. Io l’ho conosciuto quando ho fatto la mia prima vacanza-studio in Inghilterra: mi ricordo ancora quando il pomeriggio ci riunivamo in una stanza per fare scorpacciate di pancake e burro di arachidi! Ma devo dire che ho iniziato ad utilizzarlo a pieno (e non solo come crema spalmabile) solo da pochi anni, quando ho iniziato a giocare un po’ di più in cucina.

Per esempio, avete mai provato a fare i cookies al burro di arachidi? Oppure provate a sostituirlo alla tahina quando preparate l’hummus 😉


Ingredienti
Solo arachidi! Vi consiglio di non frullarne più di 300/400gr per volta: sia per non affaticare troppo il frullatore, ma soprattutto perchè non mettendo conservati e similari, il burro non durerà all’infinito!

Conservazione
Vi consiglio di conservare il burro di arachidi in un luogo fresco, se la vostra cucina è troppo calda meglio riporlo in frigorifero ben chiuso in un barattolo. Potrete così conservarlo anche tre settimane.

Note
Questa “ricetta” del burro di arachidi è davvero semplicissima, ma è fondamentale avere un frullatore potente. Io ci avevo provato una prima volta con un frullatore piccino: non è andata bene e nonostante gli abbia fatto fare varie pause non sono riuscita ad ottenere il burro, ma solo una farina. Ci ho riprovato una seconda volta utilizzando il food processor della planetaria che ha una potenza decisamente superiore!
Se volete provarci comunque, non fatevi scoraggiare e lanciatevi! Mal che vada potrete riutilizzare quel che vi viene fuori in altre ricette come muffin o biscotti, dopotutto avete solo tritato un po’ di noccioline 🙂


Iniziamo dalle arachidi che vanno tostate: volendo al supermercato potete trovare quelle già tostate, ma se non le avete trovate, tranquilli, è semplicissimo! Potrete decidere di farlo sia in forno che in padella. Nel primo caso, dopo aver sgusciato bene le arachidi, mettetele sulla teglia del forno e fatele tostare a 160° per 10 minuti circa. Controllatele ogni tanto perchè ogni forno è diverso e soprattutto cuoce più forte in punti diversi: meglio verificare che non si brucino. Se volete invece tostarle in padella, mettete le arachidi -già sgusciate- in padella, e fate andare a fuoco molto basse per circa 10/15 minuti fino a che non sentirete un buon odore di noccioline tostate. in entrambi i casi, fatele raffreddare prima di procedere oltre.

A questo punto, dovrete quindi armarvi di un bel frullatore potente. Versate le arachidi nel cesto del frullatore, chiudete, ed avviatelo alla massima potenza. Una cosa importante da tenere conto, è che non dovremmo mai far surriscaldare le lame: questo comporterebbe un’alterazione dei principi attivi del frutto. Ecco perchè vi consiglio di frullare ad intermittenza, facendo fare dei riposi alla vostra massa. In totale diciamo che ci vorranno più o meno 15/20 minuti, ma molto dipende ovviamente dal tipo di frullatore che avete, dalla sua potenza e dalla quantità di arachidi che state frullando.

frullatefrullatefrullatefrullatefrullatefrullatefrullatefrullatefrullate

Una volta raggiunta la consistenza desiderata, non vi resterà che travasare il burro di arachidi in un vasetto, aspettare che raffreddi prima di richiudere il tappo!

Per me, una delle colazioni più buone in settimana è una bella fetta di pane fresco (QUI trovate un po’ di ricette del mio pane) con una generosa spalmata di burro di arachidi accompagnato da un cucchiaio di marmellata!

E voi, come preferite mangiarlo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *